Autore Danilo Stentella

Il Karlspreis der Stadt Aachen, Premio internazionale Carlo Magno della città di Aquisgrana, dal 1988 Internationaler Karlspreis zu Aachen, Premio internazionale Carlo Magno di Aquisgrana, è un premio conferito annualmente, dal 1950, a personaggi che si siano distinti per meriti in favore della integrazione e unione in Europa. Il primo di questi premi fu conferito a Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi, il famigerato padre del piano di sostituzione della popolazione europea che da lui prende il nome. Soprassiedo sull’opportunità di ricevere un premio intitolato a uno dei più sanguinari evangelizzatori della storia, Carlo Magno convertì a fil di spada le popolazioni germaniche al cattolicesimo,…

Le parole chiave dell’ennesima privatizzazione, quella di Poste Italiane, le ipotesi sottostanti, sono: raccolta di risorse finanziarie private finalizzate al rallentamento della crescita del debito pubblico e liberalizzazione del mercato. Appunto, rallentamento della crescita del debito, non riduzione dello stock, impresa impossibile con gli strumenti di politica economica al momento utilizzati dai governi italiani. E’ bene ricordare che il debito pubblico dello Stato italiano è cresciuto senza controlli efficaci a partire dal divorzio tra Ministero del Tesoro e Banca d’Italia, avvenuto nel 1981 per decisione autocratica dell’allora Ministro Beniamino Andreatta, che ancora non si è capito bene per conto di chi…

1 2


Il più famoso Ministro delle Finanze del maggior partito del secondo dopoguerra, Ezio Vanoni, certamente non uno statalista ortodosso, si dichiarò convinto della opportunità dell’intervento dello Stato in quei settori nei quali potevano formarsi situazioni di monopolio (vedasi il suo discorso del 21 luglio 1954 agli atti parlamentari), e l’IRI era vista dallo studioso e dal Ministro come uno strumento di progresso economico, utile per l’Italia in quel periodo storico, a condizione che l’impresa pubblica avesse rispettato alcuni fondamentali criteri gestionali di natura privatistica. Effettivamente la gestione delle aziende pubbliche italiane, prima e dopo la seconda guerra mondiale, si era…

1 2


Nel 1941, in piena Seconda guerra mondiale, alcuni illuminati intellettuali italiani stesero quello che sarà poi ricordato come il Manifesto di Ventotene. Altiero Spinelli, Ernesto Rossi, Eugenio Colorni e Ursula Hirschmann, al confino sull’isola di Ventotene, lo scrissero in sei mesi, ispirati da alcune letture, tra le quali ‘Le lettere politiche di Junius’, pseudonimo di Luigi Einaudi, pubblicato nel 1920, e ‘Economic Causes of War’, di Lionel Robbins, del 1939. Il manifesto era essenzialmente basato su una terza via economico politica, in grado di superare difetti ed errori endemici di capitalismo e comunismo, e in grado di permettere all’ordinamento democratico…

UE: errore o truffa. Mentre prosegue la ‘kalergizzazione’ dell’Europa, in un modo forse più buffo rispetto a ‘La famosa invasione degli orsi in Sicilia’ di Dino Buzzati, i casi della vita si incaricano di presentare strani conti; proprio quando ritenevamo di essere sotto una insopportabile invasione dal Nord Africa, che tra l’altro favoriamo attraverso un buffo servizio di traghettamento con navi della Marina Militare e paghiamo salatamente di tasca nostra, un folto gruppo di dementi alcolisti, provenienti dalla civilissima Olanda, ha messo a ferro e fuoco una parte di Roma, come moderni Lanzichenecchi. D’altra parte per l’Italia l’effetto sorpresa non…

Poteva essere una Arcadia, la realizzazione del sogno dei padri della democrazia europea, il coronamento di un cammino lento e faticoso che era iniziato nella Grecia di Solone, di Clistene, Pericle Efialte e altri, che aveva avuto dei segnali interessanti nella regalità assembleare mesopotamica, nel III millennio a. C. (T. Jacobsen, 1943), fino al demos della città di Chio, nel VII secolo (F. Battaglia, 1931). Quel processo democratico, nel quale si inserì l’intelligenza di tanti altri pensatori, come Jean Bodin, Thomas Hobbes, John Locke, Giambattista Vico, Montesquieu, Immanuel Kant, Georg Wilhelm Friedrich Hegel, ebbe come oggetto la gestione del potere…