Navigazione: Economia

Milano – Lo scorso 31 ottobre si sono chiusi i battenti dell’Expo Shanghai e per l’Italia è stato un successo inaspettato. “Parlerei di risultato sorprendente” ha dichiarato Beniamino Quintieri, Commissario Generale del governo italiano per l’Expo Shanghai 2010, snocciolando i numeri: sei milioni di visitatori nei primi 150 giorni della manifestazione, con una media di quarantamila al giorno e tempi di attesa all’ingresso di tre-quattro ore. Ultima conferma, in ordine di tempo, dell’attrattività italiana, e della sua fondamentale tenuta sui mercati internazionali. Ieri è stata presentata la partecipazione di Roma Capitale al World Travel Market , la fiera internazionale del…

Milano – Immense potenzialità, scarsa capacità di esprimerle. Che l’Italia, con il suo straordinario patrimonio artistico, culturale e paesaggistico, abbia potenzialità turistiche da prima della classe mondiale è opinione condivisa. Sceso al quinto posto nel ranking mondiale delle destinazioni turistiche, misurato sul numero di arrivi internazionali (nell’ordine: Francia, Spagna, Stati Uniti, Cina e Italia), il Belpaese perde colpi e arranca, mentre nazioni come la Spagna, per altro in piena crisi, hanno saputo riposizionare la propria immagine nel mondo e possono vantare (almeno la Spagna) il sorpasso sull’Italia. “L’assenza di un sistema turistico forte impedisce di costruire una domanda basata sugli…

Torino – Tra pochi giorni partirà il primo servizio passeggeri privato della storia ferroviaria italiana, in diretta concorrenza con Trenitalia. Un anello circolare di 343 km sulla tratta Torino-Milano (toccando anche Pavia, Alessandria e Asti). Scorso luglio, a Torino, la presentazione. Giuseppe Arena, 60 anni, è il fondatore e amministratore delegato di Arenaways, la nuova compagnia ferroviaria che gestirà il servizio. Un passato da capostazione, poi tour operator e organizzatore di crociere ferroviarie e fondatore delle Strade ferrate del Mediterraneo, partner delle ferrovie federali tedesche. Nel 2007 lascia per dare vita ad Arenaways. Lo abbiamo incontrato e ci siamo fatti…

Parigi – Tra 1,2 e 3,5 milioni di persone hanno invaso martedì le strade francesi per protestare contro la riforma delle pensioni voluta dal Governo di Nicolas Sarkozy, che, tra le altre cose, porta l’età massima per andare in pensione da 60 a 62 anni e quella per avere il massimo della pensione da 65 a 67 anni. Città bloccate, un fiume di gente e traffico dei mezzi pubblici molto ridotto anche se mercoledì e oggi la protesta è stata meno intensa, a parte per il settore delle raffinerie. A farla da padrona sono stati i giovani. Se n’è parlato…

1 410 411 412