Navigazione: Opinioni

«Dei cretini il catalogo è questo combattiamoli per l’amor di Dio; grande pugna combatterò io; insorgete, lottate con me. In Ispagna seicento e quaranta; in Alemagna duecento e trentuno; cento in Francia, in Turchia novantuno; ma in Italia son già mille e tre. V’han fra questi contadini, camerieri, cittadini, v’hanno conti e gran baroni, marchesani e imperatori. E vi sono d’ogni grado, d’ogni forma, d’ogni età. Bassamente essi han l’usanza di agire con stoltezza, brilla bruna l’incostanza, ed è nera l’amarezza. Voglion crescer la stoltezza, preferiscon la bruttezza; è una grande dannazione, ben piccina è la lor mente. Di beoti fan…

Visitare la Sicilia oggi è affrontare un’avventura densa di colori, odori, voci, suoni e persone fantastiche, come tutte, o quasi, le regioni della nostra Italia, ma visitare la Sicilia oggi è anche, per me, fare un tuffo nei ricordi più nascosti, nei segreti di noi bambini, di noi cresciuti in una terra meravigliosa, ma difficile. Una terra piena di meraviglie e, oggi più che mai, di contraddizioni che, se non fossero realtà attuale, sembrerebbero paradossi. Sono partita dal punto più a sud di tutta l’Italia: Portopalo di Capopassero, dove si trova l’isola Delle Correnti, dove ai piedi del vecchio faro…

1 2


Il recente intervento militare americano in Libia apre una nuova fase nella travagliata storia del Paese nordafricano e vede l’amministrazione Obama tornare nel teatro di quella che è stata forse la più criticata fra le sue iniziative di politica estera: l’azione che, sotto l’egida della NATO, ha portato, nel 2011, alla caduta di Mu’ammar Gheddafi e all’emergere dell’attuale situazione di instabilità. Avviato a sostegno del governo di Fayez al-Serraj e volto a ‘degradare le capacità militari’ delle formazioni affiliate al sedicente ‘Stato Islamico’ operanti nel settore di Sirte, l’intervento ha così riaperto un dibattito mai davvero chiuso intorno al giudizio…

1 2


Dejemos de lado todas aquellas posturas agresivas e incendiarias del candidato republicano Donald Trump, por caso, respecto con el eventual tratamiento a inmigrantes regionales y no regionales, y concentrémonos por un momento en lo que significa su enfoque sobre Rusia. Por supuesto que causa asombro e inquietud que un candidato a la presidencia de la potencia mayor del orden interestatal mantenga posiciones en principio favorables para los intereses de Rusia, por ejemplo, cuando el candidato sostiene que si llega a la presidencia podría reconocer la anexión o reincorporación de Crimea a Rusia o que consideraría abandonar la OTAN. Sin embargo,…

Parliamo di Roma. Secondo l’ultimo censimento, gli abitanti della Capitale sono oltre tre milioni (3.230.000) considerando anche i cittadini stranieri regolari (365 mila). Poi ci sono gli irregolari. E poi tutti quelli del Vaticano. E delle ambasciate. Per non dire dei parlamentari che conservano la residenza nella città d’origine ma che di fatto abitano a Roma per almeno cinque giorni su sette. Difficile quantificare nel dettaglio, ma appare quantomeno riduttivo stabilire una popolazione praticamente ‘fissa’ di almeno cinque milioni. Tralasciando, ovvio, le orde di turisti che visitano Roma in ogni stagione. Non raggiunge neppure la metà la seconda città italiana,…

C’è un luogo, in primo luogo un ‘luogo dell’anima’, in cui i cretini amano esporsi ed esplodere, in cui si sostanzia e realizza l’idea platonica stessa della cretinaggine. E’ l’abisso di ogni umana nobiltà, l’epicentro della follia relazionale, il moltiplicatore degli spiriti inferi, la suburra dell’anima. E’ l’Assemblea di Condominio. Qui il cretino palese ed il cretino sottotraccia convergono, il cretino vergognoso realizza il proprio ‘coming out’ dopo averlo finalmente reso noto ai genitori durante una drammatica cena in cui fino all’ultimo avevano sperato che volesse rivelare di essere solo culattone, ed eccole allora adesso tutte queste specie di cretini…

1 2


Lasciate da parte tutti gli atteggiamenti aggressivi e provocatori del candidato repubblicano Donald Trump, per esempio per quanto riguarda l’eventuale trattamento verso gli immigrati provenienti dalla regioni vicine e non, e concentriamoci un attimo su cosa significa la sua posizione nei confronti della Russia. Certamente provoca stupore e preoccupazione il fatto che un candidato alla presidenza della principale potenza nell’ordine mondiale abbia posizioni in linea di principio favorevoli agli interessi della Russia, come per esempio quando il candidato sostiene che se arriverà alla presidenza potrebbe riconoscere l’annessione o il ritorno della Crimea alla Russia o che potrebbe considerare di lasciare la…

1 2


Esattamente un anno fa mi confrontavo col filosofo Carlo Sini, eravamo ospiti di una meritoria associazione comasca che presidia il territorio delicatissimo del fine vita. L’argomento era la resilienza, termine modaiolo e antipatico, ricorda i restyling, piuttosto frequenti, che si mettono in atto per abbellire e complicare concetti già noti e alla portata di tutti. Nella fattispecie ‘resilienza’ è la versione sofisticata della meravigliosa ‘forza d’animo’, già abbastanza chiara e certo non bisognosa di reinterpretazioni. Una bella e pacifica serata di civiltà, argomenti a fronte di altri argomenti, nulla che richiamasse il clima dei salotti televisivi, dove il metro spesso…

Dopo l’immersione precedente nella ‘prassi’ dell’attuale cretino, torniamo dunque al quadro generale, ma niente affatto teorico. E torniamo dunque al cretino ‘basico’, originale anche se non più Doc. Individuarlo e provare a riflettere su di lui, sul cretino, o su di loro ché in genere i cretini preferiscono muoversi ed agire almeno in coppia visto che Dio o chi per lui li fa e poi purtroppo non li accoppa, può rappresentare quel necessario antidoto di cui dicevamo. O ancor di più opportuna profilassi. Prassi che si potrebbe opportunamente rendere comportamento di massa, magari recuperando il sano «Vieni avanti, cretino!» che…

1 2


Pur ‘stanato’ il cretino non si rassegna. Individuato, additato, spubblicato, ma altra sua precipua caratteristica è quella di essere impermeabile alla vergogna. Così il nostro cretino (‘nostro’ nel senso che come un avvoltoio, quale in effetti è, sta sulle nostre spalle metaforicamente e quasi fisicamente) procede implacabile. E dell’essere ormai notori ‘pubblici cretini’ alcuni fanno a volte addirittura un vanto, e strumento di carriera. Esempi ce ne sono a iosa, e prossimamente cominceremo a prenderli nominalmente in esame. Ma intanto analizziamo la curiosa vicenda di Angelino Alfano, apparentemente Ministro dell’Interno ed apparentemente cretino. Nel suo caso c’è, tendenzialmente, la faccia…

1 2 3 371