EconomiaEsteriNews

Namibia: inventato lo Smartphone senza carta Sim

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
1 2


Download PDF

L’invenzione non ha trovato riscontro sui grandi Media, esclusi quelli africani e CCTV Africa, il canale di informazione della Cina dedicato al Continente. Non si registrano commenti dalle principali compagnie di telecomunicazione mondiali. Il giovane inventore sta cercando finanziatori interessati a diffondere in Africa il suo telefonino senza carta Sim. Un’impresa ardua in quanto la diffusione di questa invenzione distruggerebbe il monopolio degli operatori di telefonia che, tramite la carta Sim, bloccano all’utente l’accesso libero alle onde radio. Difficile che gli investitori privati siano interessati a finanziare la diffusione su grande scala del Petrus Smartphone in quanto l’accesso alla rete dati tramite questa semplice tecnologia è una open source incontrollabile e praticamente libera. Solo enti governativi o sovranazionali quali l’Unione Africana potrebbero mettere a disposizione i fondi necessari al fine di promuovere la diffusione della telefonia, internet e trasmissione dati tra la loro popolazione con l’ottica di promuovere la libera diffusione di idee e aumentare i contatti sia sociali che economici. A quel punto il servizio telefonico privato sarebbe trasformato in un servizio pubblico gratuito con evidenti risparmi per gli utenti e ingenti danni per le multinanzionali Telecom.

Per questo motivo il Petrus Smartphone è un pericolo per i monopoli dell’informazione non solo in Africa ma a livello mondiale. Come prevedibile le lobby associate al grande business della telefonia tenteranno con tutti i mezzi a loro disposizione di bloccare la diffusione sul mercato del brevetto. Simon Petrus si potrebbe ritrovare di fronte alla scelta di conservare un brevetto inutilizzabile o di venderlo ad una compagnia telefonica che lo archivierebbe. Un destino subìto da altri brevetti relativi a scoperte che rivoluzionano l’economia a favore dei consumatori quali il motore ad acqua e idrogeno. Il Petrus Smartphone oltre che di rivoluzionare la telefonia trasformandola da un servizio ad un diritto per l’umanità, si basa su un concetto di tutela ambientale. Il giovane inventore ha dimostrato che si può creare smartphone performanti e con ottimo design utilizzando materiali di riciclo di telefonini in disuso. In Africa gli scarti tecnologici (altamente inquinanti) stanno diventando un serio problema ambientale  di salute pubblica e di criminalità internazionale in quanto favoriscono i traffici mafiosi della immondizia tecnologica occidentale riversata illegalmente in Africa.

Il Petrus Smartphone anche se non troverà al momento il suo uso commerciale causa boicottaggi economici, è l’ennesimo esempio di un Continente in fermento fucina di scienziati, inventori e giovani imprenditori che, sotto la spinta delle necessità di oltre un miliardo di persone, stanno contribuendo alla realizzazione della Black Dignity, l’antico sogno di rendere l’Africa una potenza mondiale indipendente ora in fase di attuazione grazie alle decisioni prese al ventisettesimo summit della Unione Africana tenutosi la scorsa settima a Kigali, Rwanda.

Commenti

commenti

Condividi.