28 Novembre: Sera

28 Novembre 2010: inizia il ‘Cablegate’ di WikiLeaks. Fondato, tra gli altri, dall’attivista informatico Julian Assange, WikiLeaks è un’organizzazione internazionale che riceve in modo anonimo documenti coperti da Segreto (di Stato, militare, industriale, bancario) per poi i pubblicarli sul proprio sito web, preservando l’anonimato delle fonti e preservando l’autenticità del materiale inviato. Nel 2010 però, il sito diffuse, senza autorizzazione  una gran quantità di documenti riservati riguardanti l’operato del governo degli Stati Uniti (inclusi i suoi rapporti con l’Arabia Saudita, presunto finanziatore di Al Quaeda) e  valutazioni sul comportamento pubblico e privato di diversi capi di Stato europei. I documenti furono inviati ai quotidiani New York Times, Le Monde, El Pais e The Guardian e al settimanale tedesco ‘Der Spiegel’, che ne pubblicarono una prima parte il 28 Novembre. Dopo la pubblicazione, il sito web di Wikileaks subì numerosi attacchi hacker e il Governo Statunitense diffidò Assange dal pubblicare altri contenuti dichiarando l’illegalità del solo possesso di quei contenuti. Meno di un mese dopo, il fornitore del dominio wikileaks.org, interruppe la fornitura del servizio per violazione di una clausola contrattuale, rendendo impossibile il collegamento all’indirizzo IP. Dal 2010 infatti, WikiLeaks viaggia su vari server ed è accessibile tramite nomi di dominio differenti.

 

28 Novembre 1989: il Partito Comunista Cecoslovacco annuncia la sua rinuncia al monopolio politico. A capo della Cecoslovacchia dal 1921, il Partito Comunista aveva governato la Cecoslovacchia con il ‘pugno di ferro’ mal tollerando ogni forma di opposizione, sottoponendo i media alla censura e reprimendo qualsiasi azione compiuta da attivisti umani o religiosi. Questo portò, nel novembre del 1989 alla cosiddetta ‘Rivoluzione di velluto’, una serie di manifestazioni pacifiste svoltesi a Praga dalla vigilia della Giornata Internazionale degli Studenti (16 Novembre), organizzata dagli studenti delle scuole Superiori e delle Università, con lo scopo di presentare le proprie richieste per una riforma del sistema educativo. Alla manifestazione partecipò anche la sezione giovanile del Partito Comunista, contraria alle forme repressive adottate dal Governo, ma che fino a quel momento avevano avuto timore di far sentire la propria opinione. Gli studenti, però, vennero caricati barbaramente dalla polizia e questi atti di violenza portarono i cittadini a scendere nelle piazze per manifestare contro queste aggressioni, costringendo così il Governo di Praga a rassegnare le dimissioni.

Foto di copertina di David G. Silvers

 

Assange