Democrazia in Grecia: una realtà autentica?

Pagina 1 di 2

Atene – La democrazia diretta, anche detta ‘democrazia pura‘ è una forma di democrazia in cui il popolo stesso, più che i suoi rappresentanti eletti, determina le leggi e la politica da cui è governato. Si applica con referendum basati sulla libera iniziativa dei cittadini.
Il sistema politico in Grecia non è nemmeno rappresentativo. Ha un disfunzionale sistema parlamentare con un Primo Ministro eletto, ma molto potente. Non esiste separazione dei poteri giacché l’esecutivo è totalmente controllato dal legislativo e, per estensione, dal giuridico. Inoltre non vi è alcun progresso riferibile alla democrazia diretta”, afferma Petros Vourlis, attivista politico e fondatore del blog refererendumsforgreece(https://referendumsforgreece.wordpress.com/), il cui intento è di condividere informazioni riguardanti la democrazia diretta e le sue istituzioni; prima tra tutte, l’idea dei referendum di niziativa popolare.
La vera democrazia si basa, a suo giudizio, su due pilastri fondamentali:
1) Referendum di iniziativa popolare basati sul sistema Svizzero, ancora un lusso sconosciuto in Grecia

2) Partizione (de-concentramento) del potere centrale

Il potere centrale in Grecia decide praticamente su tutto. Secondo Petros, “la maggior parte delle decisoni (eccetto per la difesa e le politiche estere) dovrebbero essere prese da realtà “vicine” ai cittadini, cioè dai municipi e dalle prefetture. In questo modo i cittadini avrebbero l’opportunità di partecipare in misura maggiore al processo decisionale e di rigettare una legge a cui la maggioranza si oppone”.

Alexis Tsipras