Petrolio: arrivano i rincari

I prezzi del petrolio sono aumentati bruscamente nella giornata di ieri superando leggermente la soglia già raggiunta a fine Maggio di 50 dollari barile. Ad oggi il greggio della Wti del Texas ha un costo di 49,6 dollari e al contempo il Brent si stanzia a 50,47 dollari. Negli ultimi 10 mesi il mercato delle materie prime ha subito costanti aumenti con diverse variazioni di prezzo al barile. Dell’indebolimento del dollaro statunitense ne risente anche la borsa asiatica che registra un lieve calo delle cifre in relazione alla prevista diminuzione delle riserve del greggio Usa.

Un dato importante rilevato lo scorso anno è l’aumento dei posti di lavoro nel mercato delle energie rinnovabili. L’impegno nel settore evidenziato nel 2015 sarebbe pari a otto milioni di persone nelle rinnovabili di nuova generazione e di 1,3 milioni di lavoratori per il settore idroelettrico. dal 2014 le assunzioni sono aumentate del 5% secondo quanto annunciato dal Renewable Energy and Jobs, la relazione annuale presentata dall’Irena (Agenzia Internazionale Per Le Fonti Pulite). La crescita esponenziale di questo mercato è stata favorita dallo sviluppo dei settori fotovoltaico ed eolico negli Usa che danno lavoro a 769.000 posti di lavoro nel mondo delle energie pulite, numeri che hanno un loro peso se equiparati ai 187.000 impiegati tra gasdotti e aziende petrolifere e 68.000 addetti nel campo del carbone.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Africa News‘)

 

 

Brent|energia pulita|petrolio